Dorothea Puente, conosciuta anche come la padrona di casa della morte, era una piccola vecchia signora serial killer che predava gli uomini e le donne anziani e tossicodipendenti di Sacramento, CA nel 1980. Tra il 1982 e il 1988, uccise nove persone, tutte affittando camere nella sua pensione. Dopo la loro morte, Puente ha raccolto i loro benefici di sicurezza sociale e pensione, usandoli per arricchirsi.

Puente è nata nel 1929 come Dorothea Helen Gray da Trudy May e Jesse James Gray. Entrambi i suoi genitori morirono quando era giovane, e lei crebbe in un orfanotrofio. All’età di 16 anni, Puente sposò Fred McFaul ed ebbe due figlie, ma non crebbe nessuna delle due; una andò da un parente e l’altra fu adottata. McFaul la lasciò presto, e Puente si sposò altre due volte, prima con Axel Johanson e poi con Roberto Puente.

Prima di iniziare la sua discesa verso l’omicidio, la Puente avrebbe gestito un bordello, falsificato assegni e lavorato come infermiera. Ovviamente, trovava più redditizio uccidere solo i suoi pensionanti.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.