1/1

Quando la performance-bred ZR1 fu messa a letto nel 1995, Chevrolet aveva bisogno di riempire il vuoto lasciato nella fascia superiore. Nuove per il 1996 erano due opzioni diverse: la Grand Sport, che utilizzava l’LT4 ad alto numero di giri con 330 cavalli (un notevole calo di potenza rispetto all’LT5 del modello precedente, valutato a 405 CV) e lo schema di verniciatura della firma, così come la Collector Edition, disponibile solo per un anno. Disponibile in assetto speciale e Sebring Silver, la Collector Edition sfoggiava i cerchi da 17 pollici della ZR1 dell’anno precedente verniciati in argento per abbinare la carrozzeria. A parte tre selezioni di colori interni e accruements, la Collector Edition non ha offerto molto rispetto al Vette stock, entrambi utilizzando il 350 LT1 300hp in versione automatica. Acquistando l’opzionale sei marce, equipaggiato la Collector Edition con il mulino Grand Sport LT4. Ricami e distintivi speciali distinguevano la Collector Edition d’argento dal resto delle Corvette. È difficile confondere una Collector Edition con una Corvette standard quando ogni pannello è dotato di contrassegni speciali.

Quando arrivò il momento per Dick e Jill Countryman di Belvidere, Illinois, di iniziare a godere della loro pensione, Dick aveva un’idea diversa da Jill su cosa significasse la pensione. Dick ha scoperto questo argento Collector Edition in un giornale locale. Il ’96 era in buone condizioni, dritto, e sfoggiava solo un paio di modifiche che non si sedevano bene con i gusti di Dick. Dick convinse sua moglie che la Corvette si sarebbe rivelata un buon investimento. Lei ha partecipato al viaggio per dare un’occhiata all’auto, pensando che stessero solo andando a guardare. Jill pensava che suo marito avrebbe dato un’occhiata all’auto, si sarebbe preoccupato del prezzo e sarebbe tornato a casa. Ma Jill giudicò male l’amore di suo marito per queste auto. La coupé aveva bisogno solo di un piccolo TLC, ed entrò subito nella pelle di Dick. Pagò al proprietario i soldi e portò la Corvette a casa.

Perplesso con suo marito, Jill guardò Dick che si buttava a capofitto in quello che sosteneva sarebbe stato solo un “progetto invernale”. Dick non è estraneo alle Corvette; possiede una Stingray del ’77 che è più un giocattolo per lui che per lei. Jill, questa volta, voleva guidare questa Corvette. Assicurandosi che le modifiche non virassero dal guidabile e stock al selvaggio e pazzo, Jill ha approvato la rimozione dell’impianto di scarico Flowmaster che era stato installato dal precedente proprietario. Dick ha poi installato uno scarico Magnaflow nuovo di zecca e ha restaurato i collettori originali LT1 mentre lo faceva. Dick ha dedicato un inverno di lavoro per ripristinare l’originalità di fabbrica della Collector Edition, scambiando i fluidi, sostituendo le gomme, cambiando i freni con nuovi rotori e pastiglie aftermarket e lavando le linee dei freni. Ci sono molti trucchi che i mariti fanno alle Corvette che permettono di avere più potenza senza farlo sapere alle loro mogli.

Dick ha permesso al piccolo blocco un po’ più di respiro con un kit filtro K&N e un foglio d’aria. Inoltre, Dick ha speso per un programmatore Hypertech, alterando drasticamente il controllo del computer sulle ventole del LT1 e il controllo del calore. Dick ha notato un notevole miglioramento nella risposta dell’acceleratore della Corvette. Altre modifiche includono la cromatura dei cerchi ZR1 e il montaggio della gomma aggressiva Firestone Firehawk sulle ruote da 811/42- e 911/42 pollici. Dick ha lasciato l’interno grigio chiaro da solo dal momento che era in condizioni così immacolate quando l’ha comprato; aveva solo bisogno di alcuni dettagli minori e la pulizia.

Che ha portato Jill intorno è stato il prodotto finale di tutti gli sforzi di Dick. La loro Collector Edition viene ora guidata regolarmente quando il tempo è clemente e le strade sono aperte. Non solo viene guidata agli spettacoli, ma è stata anche il veicolo di viaggio per i viaggi su strada e le vacanze. E non è solo Dick che si siede al volante, Jill è nota per schiacciare il pedale sul pavimento tutte le volte che vuole!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.