L’occupazione a volontà in Arizona significa che il datore di lavoro è libero di licenziare un dipendente in qualsiasi momento per qualsiasi motivo o per nessun motivo. Allo stesso modo, il dipendente è libero di lasciare in qualsiasi momento per qualsiasi motivo o per nessun motivo. Anche se la regola di default in Arizona è che tutto il lavoro rientra nella categoria “At-Will”, ci sono eccezioni alla regola in cui il datore di lavoro non è semplicemente permesso di licenziare il dipendente senza conseguenze legali. Queste eccezioni rientrano principalmente nelle categorie di discriminazione illegale, ritorsione illegale e quando la cessazione violerebbe un contratto di lavoro scritto.

Che cosa significa la cessazione illegale?

La cessazione illegale è quando qualcuno è stato terminato in un modo che si qualifica per una delle eccezioni alla regola At-Will lavoro. In generale, ci sono tre momenti in cui un licenziamento può essere illecito, chiamato anche licenziamento illegale. Ciò che rende un licenziamento illegale è se viola gli statuti contro la discriminazione, come la discriminazione sulla base di razza, colore, origine nazionale, sesso, religione, stato di invalidità o età. La seconda categoria sarebbe se il licenziamento fosse una ritorsione per qualcosa, di solito si tratta di qualcosa sulla falsariga della segnalazione di attività illegali o della partecipazione a qualche tipo di indagine dell’azienda. Il terzo tipo di licenziamento abusivo è se si ha un contratto per un periodo di tempo specifico, allora non si può essere licenziati per qualsiasi motivo – si può essere licenziati solo per i motivi che sono specificamente identificati nel vostro contratto come motivi che il licenziamento sarebbe consentito. Questi tipi di contratti sono comunemente usati per gli insegnanti di scuola, che firmano un contratto per l’intero anno scolastico. Durante l’anno scolastico, non possono davvero smettere per qualsiasi motivo senza ripercussioni legali, e allo stesso modo, la scuola non può semplicemente licenziarli per qualsiasi motivo vogliano – potrebbero essere licenziati solo se ci fosse una buona causa per farlo, che sarebbe delineata nel contratto.

Cos’è un Constructive Discharge?

Constructive discharge è quando le circostanze e le condizioni di lavoro per il dipendente sono così male che qualsiasi persona ragionevole avrebbe smesso. In altre parole, se un dipendente si trova in una situazione di lavoro che è così male che qualsiasi persona ragionevole direbbe che non può più lavorare in quell’ambiente, allora se si lascia, la legge lo tratterà come se fosse stato licenziato. Questo è significativo perché può ancora qualificarsi come un licenziamento e quindi può anche qualificarsi come un licenziamento abusivo, che giustificherebbe un’azione legale anche se tecnicamente non siete mai stati licenziati.

Più comunemente, il licenziamento costruttivo si presenta in situazioni in cui c’è una sorta di molestia sessuale in corso. Il datore di lavoro non licenzia mai il dipendente che viene molestato, ma le molestie sono così gravi che sarebbe irragionevole aspettarsi che il dipendente rimanga in quella posizione con quella società. Pertanto, gli è permesso di licenziarsi e la legge lo tratterà comunque come se fosse stato licenziato. Tuttavia, non è limitato alle situazioni di molestie sessuali. In qualsiasi situazione di lavoro in cui le condizioni di lavoro sono così difficili o sgradevoli che un dipendente ragionevole si sentirebbe costretto a dimettersi, poi anche se il dipendente esce, potrebbero ancora perseguire una richiesta di risoluzione abusiva.

Tuttavia, è importante notare che sotto la legge dell’Arizona, anche quando queste condizioni di lavoro sgradevoli o difficili esistono, il dipendente deve ancora prendere alcune misure prima di lasciare in modo che le dimissioni da considerare un scarico costruttivo. Questi passi coinvolgono principalmente dare preavviso al datore di lavoro circa le condizioni di lavoro sgradevoli e dare al datore di lavoro la possibilità di risolvere la situazione.

Che cos’è la ritorsione?

Ritorsione è quando un datore di lavoro intraprende un’azione di occupazione avversa contro un dipendente per vendicarsi di lei per qualcosa che ha fatto, qualcosa che ha detto, o qualcosa che ha rifiutato di fare o dire. Le ritorsioni per aver denunciato attività illegali o per aver partecipato a un’indagine contro l’azienda sono forme comuni di ritorsione illegale, ma è importante capire che non tutti i tipi di ritorsione sono illegali. Infatti, la maggior parte dei licenziamenti, se il datore di lavoro ne dà un motivo, potrebbero essere considerati ritorsioni. Per esempio, se un dipendente è abitualmente in ritardo al lavoro e riceve più avvertimenti ma non risolve il problema, allora quando alla fine viene licenziato, sarebbe corretto dire che è stato licenziato come ritorsione per il suo abituale ritardo. Tuttavia, questo tipo di ritorsione non è illegale. In altre parole, non è la ritorsione che è illegale – è solo illegale quando il datore di lavoro si ritorce sulla base della partecipazione del dipendente in un’attività protetta.

In un altro modo, l’unica volta che la ritorsione è illegale è se vi è un divieto legale specifico contro di essa – cioè, se il legislatore Arizona o il Congresso degli Stati Uniti ha emanato una legge che rende illegale tale ritorsione. Per esempio, l’Employment Protection Act dell’Arizona prevede è che se un dipendente viene licenziato come ritorsione per la segnalazione o il rifiuto di partecipare ad attività che viola la legge dell’Arizona, allora sarebbe un licenziamento abusivo. L’Employment Protection Act dice anche che se un dipendente viene licenziato per ritorsione per aver fatto una richiesta di risarcimento del lavoratore per un infortunio sul lavoro, allora anche questo si qualifica come un licenziamento abusivo.

Ci sono molti altri statuti, sia federali che statali, che rendono illegali certi tipi di ritorsione, e queste leggi rientrano in molti tipi diversi di categorie. Per esempio, il Family and Medical Leave Act rende illegale per un datore di lavoro la ritorsione contro un dipendente per aver preso un congedo familiare o medico. Come altro esempio, il Titolo VII del Civil Rights Act del 1964 (la legge che rende illegale la discriminazione sulla base di razza, colore, origine nazionale, religione o sesso) contiene anche disposizioni che rendono illegale per un datore di lavoro fare ritorsioni contro un dipendente che segnala o altrimenti si oppone a tali pratiche discriminatorie.

In breve, la ritorsione è illegale solo se è specificamente vietata dalla legge. Per qualsiasi dipendente che è stato licenziato che si sente come potrebbe essere stata una ritorsione illegale, una consultazione con un avvocato per scoprire se la loro situazione specifica si qualifica come ritorsione illegale sarebbe giustificata.

Per ulteriori informazioni sul lavoro a volontà in Arizona, una consultazione iniziale è il vostro prossimo passo migliore. Ottenere le informazioni e le risposte legali che stai cercando chiamando 1-480-582-1287 oggi.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.