Come abbiamo iniziato l’unità sul ramo legislativo, “Mark” ha chiesto perché la California è agli ultimi posti nel ricevere finanziamenti federali quando siamo lo stato più popolato e la quinta più grande economia del mondo. “Julie” ha tirato fuori il Grande Compromesso, ovviamente. Io ho detto “Julie ha ragione, ricordate la classe, a differenza di oggi, la politica era l’arte del compromesso.”

Il Grande Compromesso fu il primo dei tre grandi compromessi che presero forma nel 1787. I Framers crearono una legislatura bicamerale. La Camera sarebbe stata basata sulla popolazione di ogni stato, con gli stati più popolosi che avrebbero avuto più rappresentanti (il piano della Virginia). Il Senato sarebbe stato equamente ripartito e ogni stato avrebbe avuto due senatori indipendentemente dalla popolazione dello stato (piano del New Jersey). Tale caratteristica non è democratica dal punto di vista procedurale, perché un’uguale rappresentanza al Senato equivale a un’ineguale rappresentanza dei cittadini. Secondo il censimento statunitense del 2010, lo stato più popolato, la California, ha una popolazione di 37.253.956 persone mentre lo stato meno popolato, il Wyoming, ha una popolazione di 563.626 persone. Così, la California ha 66 volte più popolazione del Wyoming. Tuttavia, ogni stato ha lo stesso numero di senatori, due. Questa formula di disuguaglianza è davvero importante? Questa caratteristica del Senato degli Stati Uniti è antidemocratica?

Chiaramente, la risposta è SI perché la clausola di uguale rappresentanza che si trova nell’articolo I, sezione 3 del Senato degli Stati Uniti viola il principio fondamentale di uguaglianza politica tra i cittadini. Come affermato dal celebre politologo Robert A. Dahl “il giudizio morale che dovremmo considerare il bene di ogni essere umano come intrinsecamente uguale a quello di un altro, e quindi nel giungere alle sue decisioni il governo deve dare uguale considerazione al bene e agli interessi di ogni persona”. Ogni cittadino americano dovrebbe partecipare al processo politico da pari a pari per quanto riguarda il processo di governo. Questo non è il caso della clausola di uguale rappresentanza nel Senato degli Stati Uniti. Gli americani che vivono in stati con popolazioni più piccole come il Wyoming e il North Dakota hanno almeno quattro vantaggi politici rispetto agli americani che vivono in stati con popolazioni più grandi come la California e il Texas.

SPONSORED
tel:18776713243

Il voto di un cittadino in un piccolo stato conta di più nella composizione del Senato che il voto di un cittadino in uno stato più grande. Un cittadino del Nord Dakota, con una popolazione di 672.591 persone, ha 37 volte un voto e quindi una voce maggiore di un cittadino che vive in Texas, con una popolazione di 25.145.561. Eppure, entrambi gli stati eleggono lo stesso numero di senatori. Questa disuguaglianza politica è ulteriormente esagerata perché i cittadini degli stati più piccoli e popolati hanno un accesso più facile ai loro senatori; un cittadino del Wyoming ha molte più possibilità di accedere al suo senatore di un cittadino che vive in California. Inoltre, i senatori e il loro staff degli stati più piccoli hanno più tempo da dedicare ai servizi elettorali e i senatori degli stati più piccoli hanno più probabilità di ricoprire ruoli di leadership al Senato.S. Senate come il leader di maggioranza, Harry Reid (D-NV), e il leader di minoranza, Mitch McConnell (R-KY), che rappresentano stati con una popolazione di circa 6,9 milioni di persone insieme, quasi 6 volte meno della popolazione della sola California (2010 U.S. Census). Tali leader sono in grado di inviare denaro e progetti di carne di maiale più facilmente nei loro stati rispetto agli altri senatori. Allo stesso modo, le spese federali favoriscono chiaramente i cittadini dei piccoli stati. Per esempio, le spese federali annuali del Wyoming sono una quota di circa 209 dollari pro capite rispetto alla quota della California di 132 dollari. Allo stesso modo, i diritti di pascolo, i diritti minerari e i diritti agricoli, per esempio, avvantaggiano chiaramente gli stati più piccoli rispetto a quelli più grandi. Infatti, i primi cinque stati che hanno ricevuto aiuti federali nel 2010 sono stati Alaska, Wyoming, New Mexico, North Dakota e Vermont con una popolazione combinata di 5.068.000 persone o lo 0,016 per cento della popolazione della nazione, quasi sette e mezzo più piccoli della popolazione della sola California. Come afferma eloquentemente Dahl, “in base a quale principio generale un cittadino che vive nel Wyoming ha diritto alla metà dei fondi federali rispetto a un cittadino in circostanze simili che vive in California?” Tale è il caso della disuguaglianza politica del Senato degli Stati Uniti, costituzionalmente ordinata dall’articolo I, sezione 3 della Costituzione degli Stati Uniti, che ancora una volta afferma: “Il Senato degli Stati Uniti sarà composto da due senatori per ogni stato, scelti dalla sua legislatura per sei anni; e ogni senatore avrà un voto.”

Come abbiamo diagnosticato il problema antidemocratico, Mark chiese: “cosa si potrebbe fare per questo?” Al suono della campanella, ho detto: “scopriamolo domani in classe”. Nel mio prossimo articolo Civics 101 affronterò come si può rimediare all’elemento antidemocratico del Senato degli Stati Uniti.

Dominic Caserta, un insegnante della Santa Clara High School e membro del Consiglio di Santa Clara, è in corsa per il Consiglio dei Supervisori della Contea di Santa Clara nel distretto 4, che comprende Santa Clara. Ha scritto questo articolo per il Santa Clara Weekly.

SPONSORED
Kaiser Permanente

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.