Comunicazione a tre vie Safety Talk

La comunicazione è fondamentale per lavorare in modo sicuro ed efficiente. Mentre il processo di comunicazione verbale sembra semplice, ci sono molte questioni da considerare. Questo discorso sulla sicurezza si concentra sui problemi che ruotano intorno alla comunicazione verbale e sull’uso di una buona pratica chiamata comunicazione a tre vie per migliorare la comunicazione tra i dipendenti durante le attività lavorative.

Problemi comuni da considerare nella comunicazione verbale

Ci sono molti problemi che influenzano il fatto che il nostro messaggio desiderato arrivi o meno al destinatario correttamente. Alcuni problemi comuni da considerare:

  • Barriere culturali- Molte persone parlano l’inglese come seconda lingua e potrebbero non capire ciò che viene detto. Anche in diverse regioni geografiche dello stesso paese possono esistere barriere culturali.
  • Ipotesi- Fare supposizioni su ciò che qualcuno sta cercando di dire o dirà può essere un errore pericoloso sul lavoro. Fare supposizioni sul messaggio che qualcuno sta cercando di trasmettere può essere influenzato dall’umore, dalle distrazioni, dalla pressione del tempo, ecc.
  • Mischiati o confusi – Scelte di parole sbagliate o messaggi lunghi possono portare a confusione.

La comunicazione verbale attraverso conversazioni faccia a faccia può avere uno o tutti i problemi menzionati sopra. Qualsiasi questione o problema con il messaggio inviato è maggiore quando si usa una radio o un telefono per comunicare verbalmente con i colleghi. Insieme ai problemi di cui sopra ci sono altri problemi quando si comunica con questi dispositivi come interferenze, scarsa ricezione, rumore di fondo, mancanza di spunti non verbali, ecc.

Uno strumento per aiutare ad affrontare i problemi di cui sopra per garantire che il messaggio corretto venga inviato e compreso è la “comunicazione a tre vie”, chiamata anche processo di ripetizione.

La comunicazione a tre vie come migliore pratica

La comunicazione a tre vie può essere molto efficace nel convalidare il messaggio inviato tra il mittente e il destinatario, riducendo così la possibilità di un errore durante un compito di lavoro.

Come funziona la comunicazione a tre vie

Lo schema di base della comunicazione a tre vie è il seguente:

  1. Il mittente dichiara il suo messaggio al destinatario.
  2. Il destinatario riconosce la comunicazione ripetendo le informazioni critiche della comunicazione al mittente. Se il ricevitore non ha capito la comunicazione, allora deve chiedere chiarimenti al mittente.
  3. L’ultimo passo è il mittente che conferma che il messaggio è stato correttamente compreso dal ricevitore o se non è stato compreso, il mittente deve indicare che il messaggio non è stato compreso e il processo di comunicazione a tre vie deve ricominciare da capo.

Ecco uno scenario di base in un posto di lavoro: Due meccanici stanno allineando un nastro su un trasportatore e comunicano via radio perché non sono vicini. Il processo comporta l’alimentazione del trasportatore per allineare il nastro.

Mittente: Io sono lontano dal nastro, tu sei libero di dare energia al nastro per tracciarlo in posizione.
Ricevitore: Sei lontano dalla cintura, posso dare energia alla cintura ora.
Mittente: Questo è corretto, libero di dare energia.

Sommario

Ci sono molti problemi in ogni forma di comunicazione. Mentre la comunicazione verbale sembra un modo diretto per trasmettere un messaggio rispetto a una e-mail o un testo, ci sono ancora molti problemi che possono essere presenti mentre la si usa. La comunicazione a tre vie può essere fondamentale per verificare che un messaggio sia compreso durante un compito lavorativo, il che può fare la differenza nel caso in cui un lavoratore si infortuni o meno. Punto di discussione: Quali sono alcuni compiti di lavoro che facciamo qui e che dovrebbero utilizzare la comunicazione a tre vie durante il compito?

I membri possono cliccare qui per scaricare una versione senza pubblicità di questo discorso!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.