Sono 7 mesi che seguo la dieta senza glutine per la celiachia. Mi ha affascinato la domanda: “Cosa rende un alimento senza glutine?”. A partire dal 5 agosto 2014, gli alimenti etichettati come “senza glutine” devono essere conformi ai seguenti regolamenti della FDA:

  • il cibo o è intrinsecamente privo di glutine o
  • non contiene un ingrediente che è:
    • un grano contenente glutine (ad es, grano di farro) o
    • derivato da un grano contenente glutine che non è stato lavorato per rimuovere il glutine (ad esempio, farina di grano) o
    • derivato da un grano contenente glutine che è stato lavorato per rimuovere il glutine (ad esempio, amido di frumento), se l’uso di quell’ingrediente comporta la presenza di 20 parti per milione (ppm) o più di glutine nell’alimento.
    • Inoltre, qualsiasi presenza inevitabile di glutine nell’alimento deve essere inferiore a 20 ppm.

Gluten Free Watchdog fa un ottimo lavoro nel testare i prodotti alimentari sul mercato per garantire che siano conformi alle normative FDA. Alcuni alimenti vengono testati a meno di 5 ppm, mentre altri superano il limite di 20 ppm.

Ho continuato a pensarci… cosa significa 20 ppm in termini pratici? Ho trovato alcuni ottimi esempi:

  • Un penny in 10.000 dollari
  • Un minuto in due anni
  • Un decino in una pila di penny alta un miglio
  • Una fetta di pane tagliata in un milione di pezzi. (Puoi averne 20!)

Quando immagini quanto sia piccolo 20ppm, è più facile vedere come “barare” sulla dieta senza glutine provochi cambiamenti intestinali e sintomi digestivi spiacevoli. E la contaminazione incrociata è un problema reale, sia a casa che mangiando fuori. Le briciole fanno davvero la differenza.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.