Rick Springfield è ampiamente conosciuto per la sua musica, ma è anche un autore pubblicato e un attore. Mentre ha recitato in diversi film e spettacoli televisivi, molti conoscono Springfield per il suo ruolo nella soap opera diurna General Hospital. Diventare un attore non è sempre stato il percorso di carriera di Springfield – lo è stata la musica. Scopri perché il musicista sentiva di non poter rinunciare alla parte in General Hospital.

Rick Springfield Noah Drake 'General Hospital'
Rick Springfield Noah Drake 'General Hospital'
Dr. Noah Drake / Rick Springfield | Photo by Jason Kempin/Getty Images

Rick Springfield si è unito a ‘General Hospital’ negli anni ’80

Springfield ha abbellito per la prima volta i set televisivi nel ruolo di Noah Drake, il finto medico nella soap opera di giorno General Hospital nel 1981. Il rubacuori è diventato rapidamente noto per il ruolo.

Visualizza questo post su Instagram

Interpreto “Lucifer” questa stagione su SUPERNATUAL @cw_supernatural ON The CW network @thecw in anteprima domani sera!!! Rick https://youtu.be/hOKxFLCvCqM

A post shared by Rick Springfield (@rickspringfield) on Oct 12, 2016 at 6:18pm PDT

RELATO: ‘General Hospital’: Quale personaggio ha partecipato al maggior numero di episodi?

Springfield ha fatto parte del cast di General Hospital per due anni. Nel 1983, ha deciso di investire nella sua carriera musicale, così lo show ha mandato il Dr. Drake ad Atlanta. Mentre la maggior parte della sua carriera è radicata nella musica, Springfield ha continuato a recitare. È apparso in spettacoli televisivi come Wonder Woman, The Rockford Files, e The Incredible Hulk. Ha anche recitato in film, tra cui Hard to Hold. Fino ad oggi, Springfield continua ad assumere vari ruoli. Più recentemente, ha recitato in spettacoli come American Horror Story: Coven, The Goldbergs e Supernatural.

Il dottor Noah Drake è tornato a ‘General Hospital’ dopo 22 anni

Nel 2005, dopo 22 anni di assenza dallo show, Springfield ha ripreso il suo ruolo di Noah Drake per altri tre anni. Springfield è tornato anche per il 50° anniversario di General Hospital nel 2013. Secondo il produttore esecutivo Jill Farren Phelps, era importante che Springfield tornasse – il recasting non era un’opzione. La Phelps ha spiegato al New York Times: “sentiamo un’associazione affine con i personaggi dello show”. “Rick è un personaggio speciale perché ha un’altra carriera. C’è un’enorme quantità di nostalgia che circonda Noah Drake e Rick Springfield.”

“General Hospital” ha aiutato a dare il via alla carriera musicale di Rick Springfield

Quando Springfield era un habitué della soap opera, 14 milioni di spettatori si sintonizzavano ogni giorno – un numero che è diminuito notevolmente a 3,5 milioni, secondo il New York Times. “General Hospital ha avuto più a che fare con la mia fama fisica di quanto abbia fatto MTV”, ha detto Springfield una volta a PopMatters.com (via E! News).

Rick Springfield ha accettato il ruolo in ‘General Hospital’ perché non pensava che la sua carriera musicale avrebbe funzionato

Quando Springfield firmò un contratto con la RCA Records per registrare Working Class Dog, né lui né il suo agente si aspettavano che l’album avrebbe avuto il successo che ha avuto. “Non pensavo che sarebbe successo qualcosa con , quindi è stata una grande sorpresa per tutti”, ha detto Springfield a Billboard. “Il primo che diventa un successo è sempre, ‘Oh mio Dio, come è successo?'”.

View this post on Instagram

La ragazza di Jessie ha 35 anni questa settimana!

A post shared by Rick Springfield (@rickspringfield) on Aug 2, 2016 at 8:42am PDT

RELATO: Rick Springfield ha considerato il suicidio più volte

Springfield ha ricordato di essere in studio dopo che Tom Petty aveva registrato, aggiungendo che avrebbe registrato dalle “3 del mattino fino alle 7 .” Tutto quel duro lavoro sembra essere stato ripagato. “Jessie’s Girl” divenne un successo, Springfield fu amato come Noah Drake in General Hospital, e la sua band fu in grado di andare in tour.

Working Class Dog significa molto per Springfield, ma il successo dell’album lo umilia. “È un grande disco – ma, voglio dire, ho ascoltato un sacco di grandi dischi che non hanno fatto carriera, quindi è anche un dono”, ha continuato. “Ho un grande affetto per esso. È stato uno spasso registrarlo”. Anche molti fan di Springfield sentono l’album come un regalo e si divertono ogni volta che lo mettono su.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.