di John Brown, HaveFunBiking.com

Sulla base della nostra rapida recensione della MTB alla Dirt Demo di Interbike, ci è stata estesa una demo della mountain bike Marin per una recensione a lungo termine. Questa settimana, una grande scatola marrone si è presentata nel nostro ufficio. All’interno c’era una Marin B-17, una bici da trail full suspension che aspettava solo di essere montata e guidata. Tuttavia, prima di guidarla e darvi una recensione completa della MTB, lasciatemi condividere con voi ciò che è effettivamente uscito da quella scatola.

La recensione della Marin B-17 MTB fuori dalla scatola

La prima cosa che devo notare di questa bici, è che non è una bici nuova di zecca. Mentre è nuova per me, è stata a qualche demo prima. Detto questo, devo notare la condizione immacolata questa moto è arrivato in. Mentre le gomme mostrano segni di usura, il telaio e i componenti sono stati puliti a un livello che non ho mai visto prima. Nel complesso, la bici è stata costruita rapidamente e facilmente per un giro veloce intorno all’isolato.

Marin B-17

Il Marin B-17 2 in tutto il suo splendore. Non sarà così pulita presto.

Il telaio

La B-17 è una trail bike in alluminio che utilizza il sistema di sospensione MultiTrac di Marin per 120 mm di escursione. Il sistema MultiTrac è sintonizzato per assorbire allo stesso modo grandi e piccoli colpi, pur mantenendo l’efficienza della pedalata. Accetta sia ruote da 27,5″ x 2,8″ che ruote standard da 29″. A prima vista, il design del telaio è pulito, con i cavi che corrono internamente al telaio. L’ammortizzatore posteriore è nascosto ordinatamente in linea con il tubo sella permettendo l’uso di un normale portaborraccia. Per un’ulteriore distanza dal cavalletto, il tubo superiore è saldato in basso sul tubo della sella e utilizza un rinforzo per la resistenza. Nel complesso, il telaio B-17 sembra che qualcuno abbia sudato tutti i dettagli.

Marin B17

Qui potete vedere chiaramente i cavi entrare nel telaio. Inoltre, date un’occhiata a come ogni tubo è modellato specificamente per il suo scopo.

Le parti

La versione del B-17 che sto guidando è un’unità demo di prima produzione. Per questo motivo, le parti sono leggermente diverse dalla moto finale al dettaglio. In particolare, la mia unità demo usa una Rockshox Pike piuttosto che la forcella a sospensione Rockshox Revalation. Per la maggior parte le due forcelle si comportano in modo simile, con la Pike che è un po’ più liscia nel funzionamento. Il resto della bici usa parti Shimano per il cambio (SLX) e i freni, il che assicura un ottimo cambio e arresto. Questo modello B-17 utilizza anche un reggisella con contagocce, per permettermi di avere il mio peso indietro e basso sul sentiero.

In tutto il resto della bici, Marin utilizza componenti di marca per i cerchi, la barra e il manubrio. Mentre questa può essere stata un’area di preoccupazione in passato, la maggior parte delle marche sta fornendo alcune parti eccezionali. Qualsiasi commento sui componenti di marca sarebbe incompleto se non sottolineassi quanto bene Marin abbia legato questi prodotti al resto della bici. Gli stessi tocchi grafici che rendono il telaio di classe sono portati attraverso le parti. La grafica è pulita e sobria, senza enfatizzare troppo il marchio della bicicletta.

Marin B-17

Alcuni dettagli di classe come quelli visti sulla Marin B-17

Cosa non vedo l’ora di fare

Voglio davvero vedere se questa bici si comporta bene sui sentieri di casa mia come a Las Vegas. I nostri parchi hanno un’arrampicata limitata e caratteristiche lisce, quindi sarà interessante vedere se le gomme più grandi hanno lo stesso dominio su questi sentieri come hanno fatto nel terreno ripido e roccioso del Nevada. Infine, non vedo l’ora di mettere a punto la sospensione e vedere di cosa è capace. Restate sintonizzati per la recensione a lungo termine nelle prossime settimane.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.