Hackney Marshes Parkrun

Nella palude…

Lo scorso weekend, abbiamo provato un nuovo Parkrun: l’Hackney Marshes Parkrun perfettamente pianeggiante. Ho fatto una bella corsa, ma senza il contesto del percorso, sono stato troppo conservatore. Ho finito bene, ma sapevo che avrei potuto fare meglio.

Così lo scorso fine settimana, siamo tornati e l’ho completamente distrutto! Non solo è stato un record personale con un margine significativo, ma è stato il mio primo 5K sotto i 24 minuti della mia vita! Ho finito il percorso di 5 km in 23:34. Sono stata l’undicesima donna in assoluto e la prima nella mia categoria. È stata letteralmente tutta la mia anima a correre così velocemente, ma mi sono sentita benissimo. Il mio record personale prima di questo era 24:12, quindi ho assolutamente distrutto quel record stabilito più di un anno fa.

C’è stato un tempo in cui un sub 25 minuti 5K era il Santo Graal. Ho inseguito quell’obiettivo per anni e quando l’ho ottenuto, ho pensato di aver raggiunto l’apice delle mie prestazioni di corsa 5K. Non ho mai pensato che avrei corso un 5K sotto i 24 minuti. So che per alcuni di voi dalle gambe lunghe e superveloci là fuori, questo è un tempo abbastanza medio, ma per me, questo è super veloce.

Come ogni risultato, però, è seguito da uno strano periodo di ansia per me. Questo è probabilmente il motivo per cui non ho gridato di questo PB su Instagram per tutto il fine settimana o fatto un gran casino il giorno in cui è successo. Ero entusiasta, naturalmente, ma poi ho iniziato a preoccuparmi del fatto che potrei non essere mai in grado di superarlo. Continuo a dirmi che è una sciocchezza, ma c’è una parte di me che crede che potrebbe essere così. E purtroppo, questo trasforma un grande risultato in un momento stranamente triste per me.

Detto questo, mi piace che sto ancora spingendo i confini di ciò che pensavo fosse possibile anche quando invecchio. Con ogni anno che passa, ho la vaga sensazione che questo – qualunque cosa accada in quel momento – sarà il meglio che potrò mai essere. È bello che la corsa non sembra rientrare in questa categoria. L’idea di poter continuare a migliorare è particolarmente stimolante per me.

Hackney Marshes Parkrun

Io e lo sporco cartello Parkrun

Piuttosto che preoccuparmi di come battere quel tempo, ho deciso di adottare un approccio più analitico. A parte il percorso piatto, quali altri fattori hanno contribuito alla grande corsa?

Il mio pasto pre-gara non era niente di speciale. Porridge e caffè. Il solito. La sera prima avevo bevuto due bicchieri di vino e delle tapas in un ristorante spagnolo. Non quello che gli esperti raccomanderebbero, ne sono sicuro, ma niente di troppo fuori dall’ordinario per me per un venerdì sera.

Sono stato completamente esaurito da una settimana di lavoro intenso, quindi ero stanco, ma a causa di quella settimana di lavoro intenso, ho perso due dei miei soliti allenamenti la settimana che ha portato a questa corsa. Questo significava che sono andato a correre sabato con due gambe molto fresche. L’ultimo allenamento che ho fatto è stato martedì mattina! Quindi, ho avuto tre giorni di recupero completo in mezzo. Una buona lezione sull’impatto di un corretto recupero e sulle prestazioni di corsa.

O forse è stato un totale colpo di fortuna e passerò il resto della mia vita a inseguire quello stesso tempo. Chi lo sa. In ogni caso, è bello vedere un numero che inizia con 23. Grazie Hackney Marshes Parkrun!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.