Questa poesia fu scritta da Aram Saroyan, un poeta armeno-americano, romanziere, biografo, memorialista e drammaturgo. La “m” a quattro zampe di Saroyan è stata citata nel Guinness dei primati come la poesia più breve del mondo. Il suo significato è stato oggetto di discussione. Alcuni l’hanno chiamata: “un primo piano di un alfabeto che nasce” – Bob Grumman. Le sue vendite sono ancora in fase di divisione, la ‘m’ e la ‘n’, non ancora separate. È anche un gioco di parole su “io sono”, che implica la formazione della coscienza stessa.

Aram Saroyan fu anche l’autore della poesia più controversa che recitava semplicemente: “luce” al centro di una pagina bianca. Questa poesia fu selezionata da George Plimpton per essere inserita in The American Literary Anthology e ricevette un premio di 500 dollari in contanti dal National Endowment for the Arts, dando vita a un’enorme controversia che coinvolse il governo americano. Leggi tutto sulla controversia seguendo il link: Come sette lettere sono riuscite a spaventare un’intera nazione. Recentemente c’è stata una rinascita di interesse nel suo lavoro, evidenziata dalla pubblicazione nel 2007 di diverse raccolte precedenti ristampate insieme come Complete Minimal Poems.

Anche suo padre William Saroyan era un autore famoso.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.