Una chiesa di mattoni si trova nel sito storico Penn Center sull’isola di Sant’Elena in South Carolina. Il centro, il sito di una delle prime scuole della nazione per gli schiavi liberati, giovedì è stato designato come nuovo monumento nazionale. (Bruce Smith/AP)

Il presidente Obama ha dichiarato cinque nuovi monumenti nazionali giovedì, da una chiesa di Birmingham, Ala, bombardata dai segregazionisti alle foreste di conifere dell’Oregon. Ora ha usato la sua autorità esecutiva più di qualsiasi altro presidente per proteggere siti storici, culturali ed ecologici iconici in tutto il paese.

Tre nuovi monumenti nel sud, che hanno tutti il sostegno bipartisan, esemplificano la spinta di Obama ad espandere l’identità nazionale condivisa dell’America attraverso la narrazione che racconta con le sue terre pubbliche. Due di loro, a Birmingham e Anniston, Ala, erano siti di atti violenti perpetrati contro bambini afroamericani e un gruppo interrazziale di attivisti dei diritti civili. Il terzo, a Beaufort, S.C., commemora il periodo tra la guerra civile e la spinta alla segregazione negli anni 1890, quando gli schiavi liberati lavorarono per stabilire scuole e comunità proprie.

In una dichiarazione, Obama ha notato che i monumenti “preservano capitoli critici della storia del nostro paese” e riflettono il suo sforzo di lunga data per “garantire che i nostri parchi nazionali, monumenti e terreni pubblici riflettano pienamente la diversa storia e cultura della nostra nazione.”

Il presidente ha anche ampliato ancora una volta il California Coastal National Monument, che è stato istituito dal presidente Bill Clinton e ampliato da Obama nel 2014, e il Cascade-Siskiyou National Monument, un altro monumento di Clinton, di circa 42.000 acri in Oregon e 5.000 in California. Molti ambientalisti e scienziati avevano sostenuto che le due aree protette avevano bisogno di un cuscinetto più ampio per proteggersi dagli effetti futuri del cambiamento climatico.

L’aggiunta di sei siti a quello costiero della California lo renderà più accessibile, ha detto il direttore esecutivo della Conservation Lands Foundation Brian O’Donnell, che ha aggiunto che gli americani celebreranno questi siti “per generazioni”.”

Il presidente ha usato spesso l’Antiquities Act per salvaguardare vasti tratti di habitat in Occidente, ma lo ha anche invocato durante il suo tempo in carica per riconoscere i progressi chiave nella lotta per una società americana più inclusiva. Questi monumenti includono quelli ai lavoratori agricoli latini in California; ai giapponesi americani collocati nei campi di internamento alle Hawaii; ai rivoltosi gay, lesbiche, bisessuali e transgender allo Stonewall Inn di New York City; una fermata lungo l’Underground Railroad nel Maryland; e siti ancestrali Pueblo in Colorado e Utah.

Alan Spears, il direttore delle risorse culturali della National Parks Conservation Association, ha detto in un’intervista che le designazioni dimostrano come l’amministrazione “sta mettendo più della nostra storia condivisa sulla mensola collettiva” della storia americana.

(Daron Taylor/The Washington Post)

“C’è stato un tempo in cui ci siamo concentrati solo sugli uomini a cavallo, con le spade,” ha detto Spears. “Quella era un’epoca diversa. Abbiamo ampliato la definizione di ciò che è importante, e ciò che è importante a livello nazionale.”

Invocando l’Antiquities Act del 1906 per designare i siti, Obama ha ora usato l’atto più di qualsiasi altro presidente. Ha creato o ampliato 34 monumenti nazionali, due in più di Franklin D. Roosevelt.

Il nuovo Birmingham Civil Rights National Historical Monument comprende il sito del 15 settembre 1963, il bombardamento della 16th Street Baptist Church della città, che ha ucciso quattro ragazze e ferito altre 22 persone, così come l’A.G. Gaston Motel, dove gli oppositori della segregazione si sono organizzati negli anni ’60. La morte delle quattro ragazze, che stavano frequentando la scuola domenicale, indignò molti americani e fornì un impulso critico per il passaggio del Civil Rights Act del 1964.

Il National Trust for Historic Preservation e la città di Birmingham stanno lavorando a un progetto da 9 milioni di dollari per restaurare il motel, che ospitava la rivista di Martin Luther King Jr. Martin Luther King Jr. nella primavera del 1963.

Il nuovo Freedom Riders National Monument rende omaggio all’attacco del 14 maggio 1961 a un autobus di Anniston che trasportava un gruppo interrazziale di giovani uomini e donne che sfidavano la segregazione esistente a quel tempo sui trasporti pubblici. L’ex stazione degli autobus Greyhound su Gurnee Avenue, dove i passeggeri tentarono di salire a bordo, così come il luogo dove l’autobus fu incendiato e bruciato poco dopo, faranno parte del monumento.

Mentre i conservatori e i sostenitori dei diritti civili si aspettavano da tempo che i siti dell’Alabama fossero designati come monumenti nazionali, la decisione di Obama di istituirne uno alla Ricostruzione è stata più sorprendente.

Gli avvocati, compreso il rappresentante James E. Clyburn (D-S.C.), hanno notato che non c’è un solo sito nel sistema dei parchi nazionali dedicato a raccontare la storia della Ricostruzione. I Figli dei Veterani Confederati avevano inizialmente protestato contro l’idea di individuare il sito del Penn Center nella Carolina del Sud, e il direttore del National Park Service Jonathan B. Jarvis aveva tenuto un’udienza comunitaria sulla proposta solo meno di un mese fa.

Il professore di storia della Northwestern University Kate Masur, che ha spinto per la designazione insieme al professore di storia della University of California a Davis Gregory Downs, ha detto in una e-mail che il sito illuminerà “una delle epoche più importanti e più incomprese del nostro passato.”

“L’era della Ricostruzione fu il primo sforzo della nazione per affrontare l’impatto duraturo della schiavitù, quando milioni di ex schiavi cominciarono a forgiare vite in libertà, e quando la nazione rifece la Costituzione per proteggere meglio la cittadinanza e i diritti individuali”, ha detto.

Molti repubblicani del Sud hanno abbracciato l’idea di evidenziare alcuni degli aspetti più dolorosi della storia della regione per favorire la riconciliazione razziale. L’intera delegazione della Camera dell’Alabama – compresi sei repubblicani – ha firmato la legislazione introdotta dal rappresentante Terri A. Sewell (D-Ala.) per creare il sito del Birmingham Civil Rights National Historical Park.

Il sindaco di Aniston Jack Draper (D) ha detto in un’intervista che il monumento ai Freedom Riders è stato ampiamente sostenuto nella comunità, così come dai legislatori di entrambi i lati del corridoio.

“Abbiamo fatto molta strada,” ha detto Draper. “La gente deve capire che abbiamo fatto molta strada. La comunità in generale ha abbracciato questo e ha riconosciuto che questa è una storia che deve essere raccontata.”


Queste auto erano parcheggiate accanto alla 16th Street Baptist Church quando l’esplosione ha squarciato la chiesa a Birmingham, Ala, il 15 settembre 1963. (AP)

La polizia fa la guardia fuori dalla chiesa battista della 16a strada a Birmingham, Ala, dopo un’esplosione che uccise quattro ragazze afroamericane. (AP)

Tuttavia, almeno uno dei nuovi paesaggi protetti, al Cascade-Siskiyou National Monument, è più controverso. Jack Williams, il capo scienziato di Trout Unlimited, ha detto che l’allargamento è stato fondamentale perché le temperature più calde, la diminuzione del manto nevoso invernale e le tempeste più variabili hanno influenzato i flussi locali e i fiumi necessari alle specie di pesci nativi in pericolo.

La nuova designazione si tradurrà probabilmente in una migliore manutenzione delle strade e in restrizioni sul pascolo del bestiame o sul taglio del legname in aree chiave lungo i corsi d’acqua che ridurranno l’erosione, ha aggiunto Williams.

Ma Jerome Rosa, direttore esecutivo dell’Oregon Cattlemen’s Association, ha detto in un’intervista che i suoi membri “sono estremamente delusi da questo passaggio. L’impatto che ha sui pascoli, sulla produzione di legname e sui posti di lavoro sarà devastante.

Rosa ha detto che ciò che sta accadendo in Oregon è una storia che si ripete in tutto l’Occidente – il governo federale che prende la terra, i governi locali che perdono proprietà tassabili e gli allevatori locali e i lavoratori del legname che perdono lavoro. Ha anche insistito sul fatto che la designazione limiterà l’accesso alla terra per gli escursionisti, gli appassionati di birdwatching e di altre attività all’aperto.

“L’Antiquities Act ha davvero bisogno di essere riformato”, ha detto Rosa. “Speriamo che il presidente Trump faccia qualcosa al riguardo. Questa cosa è stata abusata da così tanti presidenti”. Ha detto che la legge del 1906 era destinata a preservare i siti culturali storici, ma che “si è trasformata in questa cosa per i presidenti uscenti per garantire la loro eredità ambientale. È davvero un grave abuso di ciò che l’Antiquities Act avrebbe dovuto fare.”

Ma l’outfitter dell’Oregon Dave Willis, che ha trascorso 34 anni a combattere per stabilire prima il monumento Cascade-Siskiyou e poi estenderlo, ha detto che la regione serve come un ponte di terra per “una vera e propria arca di Noè della biodiversità.”

Willis era così ostinato a spingere per la protezione federale che negli anni ’90 ha inviato per posta ad un impiegato del Dipartimento degli Interni materiale sulla regione ogni giorno per tre settimane, fino ad ottenere un incontro di persona con l’allora Segretario agli Interni Bruce Babbitt. Nelle ultime settimane di Clinton, Willis è riuscito a mettere all’angolo il presidente quattro volte per fare pressione per l’espansione del monumento, ma quel momento non è arrivato fino a 17 anni dopo, giovedì.

“Il lavoro non è finito, ma è un grande passo avanti”, ha detto. “Stiamo cercando di proteggere il meglio e ripristinare il resto”.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.