La Porsche Turbo 2000 era offerta con un’opzione chiamata X50, che aggiungeva più potenza.

La versione Turbo S del 2004 era dotata di serie e aggiungeva più chicche.
La Porsche Turbo S del 2004 era una sorpresa per il mercato. Era la versione più potente della 911 Turbo del 2000. Anche se non era la Porsche più veloce mai fatta, era più focalizzata sulle prestazioni rispetto alla sua sorella non-S.
Dall’esterno, il paraurti anteriore attirava la vista per le sue grandi tre prese d’aria necessarie per raffreddare i radiatori come la versione non-S, ma un labbro fu aggiunto sotto la grembiule. Ai suoi lati, un altro paio di prese d’aria necessarie per alimentare i grandi turbocompressori sono stati installati davanti alle ruote posteriori. Gli ampi parafanghi posteriori avevano un aspetto muscoloso. Lo spoiler posteriore a “coda d’anatra” era fisso.
All’interno, la Turbo S era simile alla versione Turbo ma includeva un caricatore a 6 CD. Il classico quadro strumenti a cinque quadranti aveva uno sfondo in alluminio per gli indicatori invece che nero. Sulla lista delle opzioni, c’erano nuove opzioni di posti a sedere.
La Turbo S era la più veloce e più veloce della sua linea. Con uno 0-100 km/h (0-62 mph) sotto i 4 secondi, era un feroce concorrente per altre supercar sul mercato. Oltre a questo, aveva un sistema di trazione integrale, che era migliore in condizioni scivolose. I freni Porsche Carbon-Ceramic Brakes erano montati di serie, e gli ammortizzatori regolabili offrivano una maggiore velocità in curva. Era disponibile con un cambio manuale a 6 marce o un cambio automatico a 5 marce (Tiptronic) con comando manuale per cambiare le marce e paddle shifters.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.