Programmare è difficile per tutti.

Ho iniziato a “codificare”¹ quando ero giovane, e a quel tempo, mi veniva naturale. Beh, l’HTML mi veniva naturale. Non mi sono avventurato in JavaScript o Ruby fino alla fine dei miei 20 anni, e a quel punto, diciamo solo che non era intuitivo.

Non c’è un solo sviluppatore su questa piattaforma – o fuori da questa piattaforma – che chiuda gli occhi, scriva codice perfetto prima dell’ora di pranzo, si dia una pacca sulla schiena per un lavoro ben fatto, e si sdrai a guardare il flusso dei soldi.

Le aziende non avrebbero bisogno di tenere ingegneri nel personale se questo fosse un lavoro facile. Se la programmazione fosse facile, sarebbe una cosa da 1-2-3 e le aziende la appalterebbero nelle rare occasioni in cui il codice ha bisogno di essere rivisto. Le aziende non pagherebbero gli sviluppatori più dello stipendio medio di un medico se fosse un lavoro facile.

Ma questo non significa che sia un lavoro impossibile, né che la programmazione sia un compito insormontabile. Significa solo che ogni sviluppatore si trova in difficoltà ad un certo punto, e che la difficoltà non è un indicatore delle vostre capacità.

Anche i migliori sviluppatori guardano i loro schermi, perplessi, chiedendosi se dovrebbero chiedere a qualcun altro di controllare quello che hanno appena fatto.

Va bene se non ti viene naturale.

“Perché non riesco a capirlo? Photo by Timo Stern on Unsplash

Molte cose non ci vengono naturali, ma impariamo comunque a farle… e spesso, impariamo a farle bene.

Chiedete a qualcuno che ha imparato un’altra lingua più tardi nella vita se gli viene naturale.

Chiedete a un pattinatore olimpico sul ghiaccio se il triplo axel gli è venuto naturale.

Chiedete a un medico straordinario se ha mai sbagliato la diagnosi di qualcuno.

Pensate alle cose che fate nella vostra vita quotidiana e chiedetevi quante di queste cose sono state imparate in modo intuitivo. Sei nato sapendo come cucinare? Hai capito come navigare nello scomodo software interno della tua azienda il primo giorno di lavoro?

Non si tratta di intuizione; si tratta di riconoscere che sei capace di imparare cose nuove, indipendentemente da quanti anni hai o da quanto sei inesperto.

Puoi e avrai successo se capisci come imparare.

Foto di Bonnie Kittle su Unsplash

Ho quasi fallito trigonometria e spagnolo al liceo, ma ho finito per insegnare trigonometria bilingue qualche anno dopo. Non preoccupatevi, non ero non qualificato. Ho solo capito come imparo.

La programmazione è uno dei pochi campi in cui lo studio autonomo può portarvi altrettanto lontano – o più lontano – dello studio formale. Devi solo capire come imparare.

Alcune persone usano corsi online o giochi per imparare la sintassi di un linguaggio. Sono in grado di prendere ciò che hanno imparato da questi esercizi e usarlo per creare un’applicazione completa. Altre persone arrivano alla fine dello stesso corso online e poi fissano un editor di testo vuoto, non facendo la connessione tra la sintassi che hanno memorizzato e l’applicazione funzionale del codice che stanno cercando di scrivere.

Alcune persone prosperano nei bootcamp di codifica perché lavorano in modo collaborativo e imparano dagli altri. Altre persone si rendono conto che stanno solo rigurgitando il codice che hanno imparato… o conservando gli esempi dell’istruttore per un uso successivo.

Ci sono tutorial di codifica su YouTube. Ne ho fatti alcuni. Molti di noi l’hanno fatto. Alcune persone sono in grado di fare un tutorial e poi applicare immediatamente ciò che hanno imparato per costruire qualcosa di proprio. Altri superano l’intero tutorial e lasciano commenti come: “Come faccio a cambiare il colore della casella in alto?”

La linea di fondo è che solo tu sai come impari – ma non sederti mai lì pensando di essere incapace.

Se hai problemi a concettualizzare qualcosa, scomponilo. Chiedi a qualcuno di spiegarlo. Non essere una di quelle persone che ha paura di fare domande. Te lo prometto – lo sviluppatore back-end senior che ammiri ha fatto almeno una domanda oggi.

¹ Aggiunte virgolette intorno a “codificare” a causa dell’apparente dibattito sul fatto che costruire interi siti web in HTML/CSS da solo conti come “codificare”.

Connettiti su LinkedIn.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.