Quelli della comunità delle minoranze sono stati sottoposti, per molti decenni, alla violenza da parte delle forze dell’ordine negli Stati Uniti. Questo tipo di violenza è una rappresentazione diretta della brutalità della polizia, che spesso porta alla morte. La brutalità della polizia è stata un problema per molti anni, e rimane una grande preoccupazione per quelli della comunità delle minoranze.

Negli ultimi cinque secoli, i neri hanno sopportato la violenza in molti modi diversi. Oggi, gli agenti di polizia usano una forza mortale ed eccessiva che porta ad aggressioni, pestaggi e sparatorie ingiustificabili.

Questo dimostra il ruolo del governo nell’iniziare e prolungare la soppressione razziale e fornisce la spiegazione per cui la brutalità della polizia è diventata un crimine federale (Black Radical Congress, 3). Nella storia, la violenza razzista, la brutalità della polizia, è stata usata per sopprimere la razza nera e per preservare il potere e i privilegi della razza bianca. Questo è stato fatto per cinque scopi principali. In primo luogo, ha costretto i neri alla schiavitù o a situazioni di basso salario. In secondo luogo, per rubare la terra e altre risorse. Un terzo era quello di mantenere il controllo sociale. Un quarto scopo era quello di eliminare il conflitto nella politica, nella vita sociale e nel lavoro. Infine, il quinto scopo era quello di unire i bianchi attraverso i confini etnici, di classe e di genere. Tuttavia, dopo l’Emancipazione, il linciaggio divenne una forma prominente di violenza usata contro i neri. L’uso del linciaggio era un mezzo per controllare e mettere paura ai neri, rendendoli timorosi di andare contro qualsiasi cosa l’uomo bianco dicesse o autorizzasse.

A metà del 1900, le rivolte razziali e le esecuzioni legali iniziarono a sostituire la pratica del linciaggio. Questo divenne il nuovo metodo di controllo sociale e la supremazia bianca poteva essere controllata attraverso la discriminazione razziale. Le molestie e la discriminazione sono altre due forme di violenza, sono state praticate per molti secoli e vengono praticate ancora oggi come mezzo di controllo.

La pratica della brutalità della polizia ha un forte impatto su un segmento principale della popolazione americana.

Quelli colpiti sono le minoranze e gli anziani, causando loro un forte odio verso i bianchi in America. La brutalità della polizia è un abuso da parte delle forze dell’ordine, in cui un agente di polizia sente che, poiché ha un distintivo e una pistola, questo lo pone al di sopra della legge e può usare la forza non necessaria contro un altro individuo. La brutalità della polizia non è un problema nuovo; è diventato più focalizzato di recente a causa di alcuni casi che si sono verificati negli ultimi anni e che sono stati molto pubblicizzati.

Stancato di tutte le guide e le istruzioni senza fine?

Prova un modo più veloce

L’abuso usato dagli agenti di polizia è un reato grave che viola i diritti umani e civili di una persona.

Queste violazioni sono viste a livello nazionale alla comunità delle minoranze e sono commesse da vari agenti di polizia che non riescono a ricevere una punizione per le loro azioni. Il Civil Rights Act “fornisce protezione a quelle persone danneggiate dall’abuso di potere, posseduto dalla virtù della legge statale e reso possibile solo perché il malfattore è rivestito dell’autorità della legge statale”. C’è una violazione del quarto emendamento quando persone innocenti diventano vittime della brutalità della polizia. Molte minoranze vengono fermate perché guidano un’auto di lusso. Si presume che siano spacciatori di droga o criminali. La protezione del quarto emendamento, tuttavia, si sta riducendo; può essere usato solo con la presenza di un mandato (Meeks, 9). La presenza del mandato impedisce che si verifichino perquisizioni illegali della polizia e abusi.

Il profiling razziale è la forma più comune di brutalità della polizia. Questa è la violazione più frequente del quarto emendamento. È la tattica di fermare qualcuno a causa del colore della sua pelle. Il profiling razziale prende di mira principalmente i giovani uomini neri e latini e si crede che sia una forma giustificata di applicazione della legge. In altre parole, è una forma di pregiudizio legale che si verifica quotidianamente in tutta la nazione. Anche se ci sono molte aree discutibili nel profiling razziale che non possono essere evitate o provate. In primo luogo, è difficile da provare, nella maggior parte dei casi non ci sono prove e gli agenti di polizia possono affermare che l’arresto è un arresto di routine del traffico. Un esempio di questo è quando una persona di colore viene fermata per una violazione del traffico, viene determinato prima il tipo di veicolo e poi il colore della pelle. La maggior parte dei neri e dei latini guida veicoli appariscenti o storici, questo determina l’etnia del conducente. Le molestie hanno luogo e nessuno può provarlo se non la vittima e l’ufficiale di polizia.

In secondo luogo, i tribunali devono riconoscere che il profiling razziale è avvenuto e nella maggior parte dei casi questo è difficile da provare. Ci sono anche altre forme di profiling razziale. In molte professioni, questo tipo di profiling è usato come forma di sicurezza. I tassisti e il personale di sicurezza si impegnano nel profiling quando si sentono timorosi o minacciati. I tassisti usano questo tipo di giudizio quando rifiutano di prelevare un cliente di notte e le guardie di sicurezza lo usano per trovare i sospetti mentre lavorano. Il profiling razziale è considerato un profilo usato dagli agenti di polizia per identificare criminali sospetti o violatori della legge. Un tipico profilo usato è il sistema CARD. CARD è un acronimo per classe, età, razza e abbigliamento. Questo sistema è usato per inserire gli individui in categorie per i mezzi di identificazione. Il problema con il sistema CARD è che molte minoranze rientrano in questa categoria. Questo li rende obiettivi primari e pone un problema per alcune delle persone bianche che rientrano in questa categoria. Tuttavia, ci sono alcuni lati positivi del profiling. Per uno, può essere considerato un’abilità di sopravvivenza, permettendo di vedere se le persone stanno facendo giustizia. In secondo luogo, mette le persone su un livello innato. Il profiling mostra segnali sulle persone e su certi criteri. Infine, non è considerato razzismo. I poliziotti che usano il profiling lo usano come strumento perché pensano di essere daltonici in certe situazioni.

La brutalità della polizia si verifica anche nelle prigioni dove i prigionieri sono maltrattati perché diventa un semplice caso di autorità. Gli esseri umani hanno la libertà di esprimere i loro diritti e la brutalità della polizia viola i loro diritti umani. Gli obiettivi principali della brutalità della polizia sono per due terzi afroamericani o latini e la maggior parte delle volte l’ufficiale è bianco.

Ci sono cinque stadi attraverso i quali la forza può progredire e portare alla brutalità:

  1. persuasione verbale,
  2. forza fisica disarmata,
  3. forza usando armi non letali,
  4. forza usando armi da impatto,
  5. forza letale.

Il personale delle forze dell’ordine dovrebbe usare la fase della forza mortale solo quando la vita di un ufficiale o di un’altra persona è in pericolo. Avendo la fase della forza mortale, la legge permette a qualcuno di commettere un omicidio, e ne giustifica l’uso. Molti agenti delle forze dell’ordine sembrano avere un aspetto duro verso il crimine, ma sono molto sensibili al crimine all’interno. Gli agenti di polizia costruiscono sentimenti negativi verso certe razze, sessi o religioni. Gli agenti tendono ad avere l’impressione che se una o poche persone li trattano con mancanza di rispetto, allora altre persone dello stesso sesso, razza o religione tratteranno l’agente allo stesso modo. Un’altra causa della brutalità e della cattiva condotta della polizia è la quantità di stress che viene messa sul funzionario delle forze dell’ordine.

I funzionari delle forze dell’ordine che sono accusati di brutalità della polizia sono tenuti a partecipare a un’udienza civile con un giudice e una giuria presenti. La maggior parte delle volte la giuria troverà gli agenti non colpevoli, o colpevoli di un crimine minore. Questo è vero nel caso dell’agente che ha usato una stretta a mano illegale su Anthony Bees, un portoricano di ventotto anni, dopo che il pallone da calcio di Baez ha colpito l’auto di pattuglia. Baez è stato ucciso a causa della forza della stretta, ma l’agente è stato dichiarato non colpevole. Tuttavia, a causa del razzismo e della società, la richiesta di un trattamento duro verso i criminali incoraggerà gli agenti di polizia a rimanere violenti. Il grado di brutalità della polizia può essere migliorato attraverso l’addestramento degli agenti di polizia e dipartimenti integrati dal punto di vista razziale, con conseguente declino della violenza della polizia. Si sono sviluppati molti modi per correggere la cattiva condotta della polizia. Tali correzioni includono un addestramento sufficiente, il reclutamento e l’integrazione. Nel reclutamento, uno screening più severo e controlli di fondo potrebbero essere usati per evitare che la violenza e il razzismo entrino nelle forze di polizia. Per mezzo dell’integrazione, la presenza di più minoranze può aiutare a dissolvere l’odio verso le minoranze nella società, dando all’azione affermativa l’opportunità di avere la precedenza. Gli agenti di polizia dovrebbero anche essere obbligati a frequentare un corso che insegni loro di nuovo come comportarsi in modo appropriato in un arresto e in altre situazioni. La maggior parte di questi agenti di polizia ha anche la sensazione di non aver commesso alcun illecito e di essere innocente. Uno dei modi per frenare la brutalità della polizia è quello di implementare nuove leggi, per punire i malfattori che possono portare alla diminuzione della brutalità della polizia. Oggi, gli agenti sanno che ci sono leggi che riguardano l’etichetta durante un arresto, ma molti non tentano di applicare ciò che sanno, e lasciano che la forza fisica e la forza li superino. Inoltre, conseguenze severe o ragionevoli dovrebbero essere date agli agenti di polizia che partecipano alla brutalità della polizia. Sospensione, richiami verbali, un’indagine, lezioni di gestione della rabbia, o la perdita del lavoro sono alcune conseguenze che dovrebbero essere date agli agenti che violano.

Anche se ci sono stati alcuni progressi e l’educazione, la formazione e l’integrazione con la popolazione delle forze dell’ordine, ci sono ancora incidenti di profiling razziale e brutalità della polizia. Con continui sforzi e correzioni delle ingiustizie razziali, questo tipo di abuso e punizione diminuirà quando la legge si muoverà più verso la giustizia per le minoranze. In questo modo ci saranno meno brutalità e morti e più giustizia sociale.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.